Tutti i rimedi che funzionano davvero

La cellulite è un inestetismo della pelle, comunemente noto col nomignolo di “pelle a buccia di arancia” proprio per la caratterizzazione della patologia di provocare dei ripieghi antiestetici sulla pelle che causano disagio nella maggior parte delle donne. La cellulite, infatti, colpisce un gran numero di individui di sesso femminile, indipendentemente dal peso e dall’età.

Combatterla non è semplice, tuttavia esistono dei rimedi naturali che ne permettono una guarigione permanente. In questo articolo andremo ad elencare tutti i rimedi attualmente esistenti per la cura della cellulite, così che possiate adottare quello che ritenete migliore che più si adegua alle vostre esigenze.

Cos’è la cellulite

La cellulite è una patologia che interessa la maggior parte delle donne e nelle sue forme più gravi si manifesta con noduli dolenti alla palpazione. Essa è generalmente associata ad un eccessivo accumulo sottocutaneo di tessuto adiposo a sua volta dovuto ad una disfunzione del microcircolo, al punto che arrivano a formarsi dei setti fibrosi capaci di intrappolare l’acqua ed il tessuto adiposo.

Considerata un inestetismo della pelle, la cellulite crea delle depressioni o introflessioni soprattutto nella zona pelvica ed addominale, sui fianchi, sui glutei e sulle cosce.

Classificazione della cellulite

La cellulite si manifesta in diversi modi ed in diverse zone del corpo, persino se appartenenti allo stesso individuo. È classificata in 4 stadi a seconda della gravità, di seguito elencati:

  • stadio 0: in questo caso la cellulite non è esteticamente visibile, tant’è che i segni della patologia sono assenti;
  • stadio 1: questo si verifica quando la pelle risulta liscia a prima vista, ma presenta i segni della cellulite se pinzata o contratta;
  • stadio 2: in questo caso le introflessioni e le depressioni della pelle causate dalla cellulite sono visibili anche senza sollecitarla;
  • stadio 3: questo è il caso in cui le alterazioni dello stadio precedente sono diffuse su più aree del corpo ed in maniera più ampia, presentando a volte persino dei noduli dolenti.

Oltre che per stadi, la cellulite è spesso classificata anche a seconda della densità che presenta, delle dimensioni, della profondità e non solo in base alla lassità dei tessuti, nonché ad altri parametri fisiologici ed estetici. Vediamo di seguito com’è che la patologia viene classificata in questi casi ed in che modo si differenzia.

  • Edematosa: si definisce tale quando è associata ad un accumulo di liquidi, in particolar modo ai polpacci, alle cosce, alle braccia ed alle caviglie.
  • Fibrosa: si definisce tale quando è associata a fibrosi, ordunque quando vi è un aumento dei setti di tessuto connettivo che ripartiscono in diversi lobi il tessuto adiposo sottocutaneo. Esteticamente la cellulite fibrosa è caratterizzata dalla presenza di piccoli nodi non percepibili al tatto, ma visibili a causa della rugosità e della pelle a buccia di arancia.
  • Sclerotica: si definisce tale quando vi è la formazione di una sclerosi, dovuta all’indurimento dei tessuti ed a noduli di grandi dimensioni che provocano dolori non indifferenti.

Cause principali

La cellulite, definita scientificamente col nome di “pannicolopatia edemato fibrosa” (termine che indica l’alterazione del tessuto sottocutaneo), ha cause molto diverse. Come accennato già inizialmente le donne sono quelle più predisposte, sia per ragioni ormonali che costituzionali.

Sebbene tra le cause principali vi sia l’aumento di peso – in quanto favorisce gli accumuli adiposi – e la scarsa attività fisica, la cellulite non colpisce unicamente le donne in sovrappeso. Le aree più interessate variano a seconda della donna, ma in linea generale possiamo affermare che le zone più colpite sono i fianchi, le cosce, i glutei e le braccia. Elenchiamo ed analizziamo di seguito quali sono le cause principali che influiscono sulla formazione della cellulite.

  • Disturbi del metabolismo,
  • disordini nutrizionali,
  • alterazioni della struttura del tessuto connettivo,
  • fattori ormonali,
  • fattori genetici,
  • disturbi del sistema microcircolatorio,
  • alterazioni del sistema linfatico,
  • infiammazioni.

Al di là di questi cause vi sono una serie di fattori che aggravano e portano alla comparsa della patologia. Vediamo di seguito di quali si tratta.

  • Vita alquanto sedentaria, tant’è che per evitare che la cellulite possa formarsi è fondamentale eseguire attività fisica con costanza, in quanto il movimento aiuta al mantenimento efficiente della muscolatura, della circolazione e del metabolismo, oltre che a bruciare i grassi ed a prevenire la stasi circolatoria.
  • Dimagrimento eccessivamente rapido, in quanto il tessuto muscolare tende a cedere e la cellulite si aggrava, risultando particolarmente visibile.
  • Alimentazione errata e poco sana, dunque ipercalorica e ricca di cibi grassi e di sale che provoca un accumulo di adipe localizzato e genera la ritenzione dei liquidi.
  • Postura errata, in particolare gambe accavallate; si tratta di un fattore che contribuisce ad aggravare la circolazione sanguigna, comprimendo i vasi.
  • Eccessivo tempo in piedi ed immobili, in quanto causa una cattiva circolazione sanguigna, siccome il sangue fatica a risalire dagli arti inferiori e causa una stasi circolatoria.
  • Abbigliamento eccessivamente stretto che comprime i vasi e causa una cattiva circolazione.
  • Scarpe troppo strette o troppo alte, in quanto impediscono il corretto funzionamento della pompa venosa ed ostacolano il ritorno venoso e linfatico.
  • Lo stress ed il fumo aggravano in particolar modo lo stato della cellulite, in quanto il primo tende ad aumentare il livello di ormoni dello stress ed il secondo – a causa dell’azione vasocostrittrice – aumenta i radicali liberi, portando ad un conseguenziale peggioramento del microcircolo e ad un’accelerazione dell’invecchiamento cutaneo.
  • Sovrappeso ed obesità.

Rimedi contro la cellulite

Curare la cellulite non è semplice, ma il progresso della medicina ha portato ad una serie di soluzioni permanenti, così come di base è possibile trattare la patologia grazie a vari rimedi naturali che sono stati adottati col tempo. Analizziamo ed osserviamo di seguito ognuno di questi rimedi, così che possiate scegliere e preferire quello/i che più si adatta/no alle vostre esigenze.

Dieta anticellulite

Per combattere la cellulite è innanzitutto fondamentale modificare la propria dieta alimentare, favorendo uno stile di vita più sano ed equilibrato, nonché l’apporto di una giusta idratazione giornaliera. La dieta anticellulite ha lo scopo di limitare il consumo di zuccheri e grassi, i quali favoriscono l’accumulo adiposo ed il sale che aumenta la ritenzione idrica locale.

È a tal proposito preferibile optare per la scelta di cibi ricchi di acqua quali anguria, ananas, asparagi, cetrioli, cipolle, lattuga ecc. È importante bere almeno 1,5/2 L di acqua al giorno, così che la stessa possa depurare il corpo ed aiutare ad eliminare le tossine ed il sale in eccesso. L’acqua, infatti, trascina il sale con sé e ne favorisce l’espulsione; se non riuscite a bere quanto dovuto potrete sostituire l’acqua con apposite tisane da sorseggiare durante la giornata.

Al contrario, invece, gli alimenti da evitare assolutamente sono i salumi, gli insaccati, gli snack ed in genere i cibi troppo salati. È preferibile integrare cibi ad alto contenuto di fibre, utili a ridurre l’accumulo di zuccheri e grassi, nonché a favorire l’attività dell’intestino che trattiene meno liquidi e meno grassi.

Attività fisica e sport

L’attività fisica – ed in particolar modo l’esecuzione di qualsiasi sport – è fondamentale per l’eliminazione definitiva della cellulite; essa migliora la circolazione, tonifica i muscoli ed i tessuti ed aiuta a bruciare i grassi.

Il nostro consiglio è quello di integrare al potenziamento muscolare anche esercizi cardio. È fondamentale dunque svolgere attività fisica in palestra per la tonificazione dei muscoli ed eseguire allenamento aerobico per bruciare calorie e grassi, così da dimagrire di conseguenza ed evitare il fattore obesità come rischio per la comparsa della patologia.

Tra gli allenamenti più eseguiti ed efficaci vi consigliamo il GAG, un acronimo che sta per “gambe, addominali e glutei”, in quanto permette di allenare e lavorare in particolar modo tali gruppi muscolari che sono tra l’altro quelli più colpiti dalla cellulite.

Esercizi contro la cellulite

Sebbene fare esercizio fisico possa aiutare nella cura e nell’eliminazione della cellulite, è vero anche che svolgere attività fisica eccessiva potrebbe stimolare troppo i muscoli, al punto che gli stessi producono acido lattico ed incidono sulla microcircolazione. È a tal proposito importante che la frequenza cardiaca rimanga bassa e si aggiri intorno ai 130 bpm.

L’attività fisica e lo sport vanno eseguiti almeno 3 volte a settimana per circa 30/40 min, in quanto i meccanismi metabolici che smaltiscono i grassi sono in grado di attivarsi soltanto dopo 30 min di movimento. Dato che la cellulite colpisce la donna quando subisce un’alterazione ormonale, è bene che coloro che sono prossime alla gravidanza svolgano attività ed esercizi fisici in maniera costante.

Gli sport da preferire sono in particolar modo il nuoto e l’acquagym, in quanto – grazie all’attrito generato dall’acqua – sono in grado di far lavorare tutti i muscoli, di riossigenare i tessuti e di aumentare la resistenza fisica.

Creme anticellulite

Sebbene la dieta equilibrata e lo sport siano i due rimedi fondamentali per l’eliminazione della cellulite, l’applicazione di apposite creme potrebbe favorire la comparsa dei risultati in un tempo sicuramente più breve. Esse sono infatti molto utili per ridurre i cuscinetti di grasso e per migliorare l’aspetto nonché il tono della pelle. In commercio si possono trovare numerosi tipi di creme: quelli nutrienti, quelli in gel, quelli adatti ad ogni stadio della cellulite, quelli per contrastare la patologia aggravata ecc.

Farmaci anticellulite

Come accennato già precedentemente, sebbene le cause della cellulite siano molteplici, la medicina ha progredito al punto tale da creare dei farmaci per la cura della patologia e degli integratori da utilizzare sotto prescrizione medica. Solitamente si tratta di creme da applicare nel punto interessato oppure di compresse da assumere oralmente.

Entrambi i prodotti intervengono sulla cellulite e sulle possibile cause che la scatenano, soprattutto perché sono in grado di regolare i processi metabolici, ridurre la ritenzione idrica dei liquidi nei tessuti, favorire il drenaggio, migliorare ed accelerare il microcircolo ed attenuare il gonfiore.

Rimedi naturali

Al di là dei rimedi principalmente medici sopra elencati, vi sono altrettante cure naturali che è possibile adottare per eliminare la cellulite. Le piante – utilizzate in fitoterapia per combattere gli inestetismi della pelle – sono perfettamente in grado di agire sulla protezione dei vasi sanguigni e sul miglioramento dell’elasticità delle pareti degli stessi. In più dispongono di importanti proprietà diuretiche e drenanti e possono essere assunte singolarmente o integrate in altri composti come tisane, compresse e capsule. Vediamo di seguito quali sono le piante più utilizzate e perché.

  • Amamelide: le foglie e la corteccia di questa pianta vengono impiegate per curare disturbi del sistema circolatorio, soprattutto se è necessario l’intervento di un’azione astringente. Il prezzo per una confezione da circa 500 ml è di €12.
  • Centella asiatica: le foglie di questa pianta sono utilizzate per rinforzare ed elasticizzare le pareti dei vasi sanguigni, così da favorire la corretta circolazione periferica. Il prezzo per un estratto idroalcolico biologico di centella asiatica pari a 50 ml è di €9,90.
  • Ananas sativus: il gambo di questa tipologia di ananas è utilizzato per il miglioramento della circolazione sanguigna e linfatica, in quanto capace di ridurre la vasodilatazione e l’eccessiva permeabilità dei capillari. In tal modo riduce le infiammazioni ed i vari dolori localizzati. Una confezione munita di 40 capsule di gambo d’ananas costa circa €9,50.
  • Meliloto: questa tipologia di pianta è impiegata per la cura di insufficienza linfatica e venosa, nonché per la presenza di edemi, gonfiori articolari, ritenzione idrica, gambe pesanti. Una confezione contenente un estratto di meliloto costa circa €18.
  • Betulla: le foglie di questa pianta sono utilizzate perché capaci di stimolare la diuresi ed il sistema linfatico, così da favorire l’eliminazione dei liquidi in eccesso e dei noduli fibroconnettivali che caratterizzano la cellulite. Una confezione contenente la tintura madre di foglie di betulla costa circa €14.
  • Pilosella: questa tipologia di pianta è un diuretico impiegato per il trattamento di inestetismi dovuti alla cellulite, nonché per il gonfiore alle caviglie che la stessa causa, per gli edemi agli arti inferiori, per la ritenzione idrica. Una confezione contenente la tintura madre di pilosella costa circa €14.

Aromaterapia

L’aromaterapia è un rimedio contro la cellulite che utilizza gli oli essenziali per la cura della patologia, in quanto gli stessi sono in grado di svolgere un’azione drenante e di stimolare la circolazione periferica e lipolitica sulla zona interessata. Solitamente questi oli sono diluiti in olio di mandorle, mediante la miscelazione di 10 gocce in 100 ml. Ma vediamo di seguito quali sono gli oli più utilizzati ed in che modo aiutano a combattere la tanto odiata cellulite.

  • Olio essenziale di limone: questa tipologia di olio è in grado di tonificare il sistema circolatorio, stimolandone la circolazione linfatica e venosa. L’olio essenziale di limone rafforza i vasi sanguigni, fluidifica il sangue ed è per tale ragione considerato efficiente contro i disturbi dovuti alla cattiva circolazione come cellulite, edemi, vene varicose, geloni ecc.
  • Olio essenziale di rosmarino: si tratta di una tipologia di olio utilizzata come ingrediente – spesso principale – di cosmetici e di fanghi realizzati appositamente per combattere la cellulite e l’adiposità localizzata. Ciò è dovuto all’azione lipolitica e stimolante della circolazione periferica, nonché a quella drenante del sistema linfatico.
  • Olio essenziale di betulla: questa tipologia di olio è in grado di prevenire disturbi circolatori e problemi venosi così da evitare la comparsa di gonfiori, edemi e ristagni linfatici.

Floriterapia

Oltre che piante anche i fiori vengono utilizzati per la cura ed il rimedio contro la cellulite. I fiori di Bach, ad esempio, agiscono soprattutto sullo stato emozionale degli individui, dunque non vengono utilizzati direttamente per il trattamento di ritenzione idrica e cellulite. Tuttavia, determinate condizioni di stress psicologico possono indurre ad un mal funzionamento del sistema linfatico e di quello circolatorio, al punto da trattenere liquidi e tossine e provocare il formarsi della patologia.

In tal caso i fiori di Bach sono efficaci nel contrastare la cellulite e gli inestetismi che la stessa provoca. Per far sì che il loro impiego abbia effetto è necessario creare delle miscele personalizzate, a seconda delle esigenze e caratteristiche personali. Dunque prima di procedere all’assunzione di tali fiori è importante richiedere il parere di un medico esperto.

Rimedi estetici anticellulite

Così come la medicina tradizionale, anche quella estetica si è evoluta al punto tale da poter contrastare ed eliminare la cellulite. I rimedi che è in grado di offrire sono numerosi e combattono in particolar modo gli inestetismi che la patologia crea sulla pelle. Le tecniche più utilizzate per rimodellare e snellire il corpo nonostante la cellulite sono le seguenti:

  • massaggio linfodrenante,
  • mesoterapia,
  • criolipolisi,
  • carbossiterapia.

Massaggio linfodrenante

Il massaggio linfodrenante è utilizzato per la cura della cellulite perché agisce sulla circolazione linfatica, accelerandola e riabilitandola tramite manipolazione così che non possa causare il ristagno dei liquidi e gonfiore. Inoltre il massaggio è in grado di sgonfiare la cellula adiposa ed in tal modo combattere la cellulite. Questo trattamento deve necessariamente essere effettuato da un fisioterapista specializzato che a sua volta utilizzerà un apposito macchinario o le sue stesse mani.

Mesoterapia

La mesoterapia, conosciuta anche col nome scientifico di intradermoterapia distrettuale, è un trattamento capace di contrastare gli accumuli adiposi e di eliminare il ristagno dei liquidi che si formano negli strati sottocutanei e cutanei. Si tratta di una tecnica iniettiva intradermica, ordunque capace di funzionare mediante l’utilizzo di piccoli aghi che iniettano farmaci nel mesoderma (strato medio-profondo della pelle). Nel caso specifico della cellulite i farmaci iniettati sono quelli lipolitici, utili soprattutto per il trattamento delle adiposità e della ritenzione liquida.

Criolipolisi

La criolipolisi è un trattamento che riguarda la medicina estetica, capace di sfruttare le basse temperature per ridurre gli accumuli di grasso e la cellulite; ciò avviene proprio perché le cellule di grasso sono particolarmente sensibili al freddo. La criolipolisi viene effettuata grazie all’utilizzo di un macchinario che elimina gli adipociti (cellule adipose) applicando il freddo per un tempo prestabilito ed una pressione notevole che ne causa la scomparsa.

Carbossiterapia

La carbossiterapia è una tecnica utilizzata per iniettare anidride carbonica gassosa all’interno del derma e/o del tessuto sottocutaneo. Questo trattamento medico è efficace contro la cellulite perché è in grado di sciogliere i grassi mediante l’effetto lipolitico di cui è dotato, nonché di migliorare il microcircolo e di favorire il drenaggio dei liquidi e lo smaltimento delle tossine in eccesso.

Coppette anticellulite

La coppetta anticellulite è un elemento realizzato in silicone, dalla forma solitamente sferica che consente di trattare la cellulite mediante il massaggio individuale che può essere eseguito comodamente da casa. La tecnica utilizzata è quella della coppettazione orientale, il cui principio risiede nel creare un’aspirazione localizzata sull’epidermide al fine di ottenere un miglioramento del microcircolo, un’azione drenante, l’eliminazione delle tossine e l’ossigenazione dei tessuti.

Spazzola esfoliante

La spazzola esfoliante è considerato un ottimo rimedio contro la cellulite, in quanto particolarmente efficace e semplice nel suo utilizzo. È necessario infatti passare le setole al di sopra dell’area interessata, facendo attenzione a non eseguire una pressione eccessiva. A questo punto la spazzola è in grado di sollevare ed eliminare le cellule morte, permettendo alla pelle di respirare meglio, alla circolazione di attivarsi ed ai prodotti anticellulite di penetrare in profondità.

La spazzola va infatti utilizzata con le apposite creme e/o oli essenziali sopra nominati. Le tipologie presenti in commercio sono varie, tuttavia quelle più acquistare sono quelle caratterizzate dalla presenza di setole vere, quelle con protuberanze di legno che sostituiscono le setole e quelle massaggianti.

Scrub al caffé

I fondi di caffé possono essere impiegati per la risoluzione della cellulite, soprattutto se strofinati sulla pelle nelle zone interessate e miscelati con dell’olio di cocco o di mandorle. A seguito dell’utilizzo è necessario avvolgere la parte del corpo con della pellicola e lasciare che i prodotti agiscano per almeno 20 min, così che l’azione drenante della caffeina penetri nel tessuto. Questo componente è utile per favorire l’espulsione delle tossine in eccesso e per il drenaggio dell’acqua, così da eliminare la ritenzione idrica.

Tè verde

Il tè verde è un alimento naturale che viene impiegato per l’ottenimento di una serie di benefici, tra cui l’eliminazione della cellulite. L’infuso di questa tipologia di tè è in grado di incrementare il ritmo metabolico, di eliminare le tossine e gli elementi nocivi presenti all’interno dell’organismo ed è per tale ragione utilizzato e preferito nel trattamento contro questa patologia.